Gestisce aspetti legali, fiscali, contributivi, legati al personale. È presente nelle organizzazioni: il ruolo dell’addetto paghe e contributi.

L’addetto paghe e contributi è una figura essenziale, che gestisce gli aspetti legali, fiscali, contributivi, legati alla retribuzione del personale ed è presente nella quasi totalità delle organizzazioni, sia pubbliche che private. Sebbene il settore oggi vada verso una stabilizzazione del numero degli occupati, cresce sempre più la richiesta di professionisti di alta qualità che sappiano svolgere questa attività. L’addetto paghe e contributi può essere occupato in tutte le tipologie di aziende. In imprese di maggiori dimensioni, esiste un’area dedicata alla contabilità del personale, composta di più addetti e diretta da un responsabile. La sua funzione è, perciò, spesso accessoria rispetto a quella del team aziendale. In piccole imprese, invece, è spesso un consulente esterno ad occuparsi di tutta la contabilità relativa ai dipendenti e, oggi, diventa molto più conveniente assumere professionisti che svolgano il proprio lavoro da casa o dal proprio studio.

Addetto paghe e contributi: le competenze

Questa figura professionale svolge diverse mansioni: inserisce in organico i nuovi assunti, calcola la retribuzione per ogni livello di assunzione, aggiorna la gestione a seguito di modifiche legislative, calcola le trattenute fiscali e previdenziali, indennità, straordinari, gestisce le procedure per la messa a regime della retribuzione del personale, aggiorna l’archivio storico dei dipendenti e tiene i contatti con le agenzie di lavoro. È, altresì, incaricato di controllare la tenuta a norma di legge dei libri obbligatori (paga, matricola) e di gestire gli assegni familiari, sia dal punto di vista della documentazione che dell’erogazione. Talvolta, in piccole realtà aziendali, è lo stesso addetto paghe e contributi ad occuparsi delle fasi preliminari alla selezione del personale: primi colloqui attraverso skype, compilazione di una scheda personale del candidato, presentazione al direttore. Le operazioni di inserimento riguardano principalmente richieste di nulla-osta all’ufficio di collocamento, visita medica, ove richiesta e messa a regime dalla retribuzione per il personale assunto da poco tempo. Simmetricamente, la persona è delegata a gestire, dal punto di vista amministrativo, le fasi di uscita del personale: liquidazioni, indennità varie, pensione. Egli ha infine il compito di istruire le pratiche connesse con i periodi di Cassa Integrazione ordinaria e straordinaria, ed i rapporti con gli uffici di collocamento per quanto riguarda le assunzioni di personale protetto. Quando persone appartenenti a queste categorie sono assegnate d’ufficio, in sintonia con altri dirigenti e funzionari, il responsabile paghe-contributi segue gli sviluppi della vicenda.

Gli obiettivi del corso per addetto paghe e contributi online

La responsabilità di paghe e contributi richiede scrupolosità, previsione e sensibilità. È necessario un costante sforzo di aggiornamento, poiché la normativa legislativa e contrattuale è in continua evoluzione. La possibilità di incidenti dovuti a errori nell’applicazione di nuove norme è giudicata comunque bassa per un operatore attento. L’aggiornamento più importante investe, però, la parte informatica (packages di gestione più aggiornati, allargamento della informatizzazione). Altra caratteristica fondamentale è la riservatezza, dal momento che il responsabile paghe contributi conosce in modo completo la situazione contrattuale e retributiva dell’intero personale. Proprio questa posizione cruciale richiede doti di sensibilità e di relazioni umane, peraltro utili tanto nel rapporto, quasi quotidiano, con altri ambienti dell’impresa, quanto nei confronti del personale alle dirette dipendenze. È richiesta anche una certa capacità di decisione responsabile e rapida, soprattutto in presenza di casi senza precedenti.