Teledidattica, e-learning, FAD, web-based training… i nomi sono tanti, ma il fenomeno è sempre lo stesso e sta rivoluzionando interi settori…

Formazione onlineTeledidattica, e-learning, FAD, web-based training… i nomi sono tanti, ma il fenomeno è sempre lo stesso e sta rivoluzionando interi settori produttivi, oltre ad avere un impatto socialmente rilevante sul mondo del lavoro e dell’istruzione.

In Italia il pubblico più consistente degli utenti di corsi online ha un’età compresa tra i 35 e i 44 anni, un livello culturale medio-basso (diploma) senza apprezzabili differenze di genere, più marcate nella fascia di etá inferiore (24-35) che per la maggioranza è di sesso maschile.

Negli ultimi anni il settore della formazione online nel mondo ha mantenuto una crescita costante media del 10% all’anno, e addirittura del 15% nei mercati emergenti (Africa e Sud America soprattutto). Il mercato ITC correlato a queste attività è arrivato ad un fatturato globale di 3 miliardi di dollari, con tassi di incremento a due cifre anche in questo settore.

Gli USA sono ovviamente il regno indiscusso dell’e-learning, grazie alle ottime infrastrutture tecnologiche, all’alta informatizzazione della popolazione e agli investimenti di molte aziende multinazionali che hanno fortemente creduto nella formazione continua del personale e nelle nuove piattaforme tecnologiche, in particolare nel cloud.

Soprattutto nel settore sanitario e farmaceutico la formazione online risulta essere la preferita e quella che di gran lunga attira i maggiori investimenti di capitale. In questo settore anche il nostro Paese ha avuto il suo caso di eccellenza: il progetto ECCE (educazione continua centrata sulle evidenze) dell’Agenzia Italiana del Farmaco, basato appunto sulle clinical evidence e riservato a medici e infermieri, è arrivato al culmine del suo ciclo di vita a gestire 120 percorsi formativi correlati ai crediti formativi obbligatori.

Il successo del settore è tale che alcuni commentatori si sono spinti ad affermare che nei prossimi dieci anni la formazione in aula, con l’allargamento ulteriore della banda e la creazione di innovativi strumenti software, diventerà minoritaria. L’alleanza tra Google ed Edx – il consorzio creato dall’Harvard University e dall’MIT che riunisce le 28 istituzioni leader mondiali del settore – nasce proprio con l’intento programmatico di dare vita a una nuova piattaforma open source di e-learning che renda ancora più semplice organizzare ed usufruire di corsi di formazione online, per annullare anche le ultime barriere tecnologiche alla diffusione globale di questa modalità di apprendimento e svincolare la conoscenza da ogni limite fisico e geografico.

Fonti:

Dasytec.com/statistiche

Docebo.com/blog